“PNRR": firmato l’Accordo tra Mic e Maeci per l’avvio del Progetto “Turismo delle radici”

Il 10 febbraio 2022 è stato firmato l’Accordo tra il Direttore generale dell’Unità di Missione per l’attuazione del “Pnrr” del Ministero della Cultura, Angelantonio Orlando, e il Direttore generale per gli Italiani all’Estero della Farnesina, Luigi Maria Vignali, che avvia ufficialmente il Progetto “Il Turismo delle radici – una strategia integrata per la ripresa del settore del turismo nell’Italia post ‘Covid-19’”.

Il Progetto si inserisce nell’Investimento per “l’Attrattività dei Borghi” del “Pnrr” e propone un ampio raggio di offerte turistiche mirate alla vasta platea di italo-discendenti e di oriundi italiani nel mondo, stimati in circa 80 milioni di persone. L’iniziativa è stata messa a punto dalla Farnesina e del Ministero della Cultura grazie ai contributi di un apposito Tavolo Tecnico sul “Turismo delle radici”, avviato sin dal 2018 in collaborazione con Regioni, Enti Locali, Centri accademici e di ricerca, Enti museali e Biblioteche, Operatori turistici e Comunità di Italiani all’estero.

Il Progetto consiste nel coinvolgimento delle Comunità italiane all’estero sia nella valorizzazione della nostra offerta turistica, sia in un’articolata strategia volta a invertire il Processo di “depauperamento dei Borghi italiani”. Il Progetto mira a far “ritrovare le radici, una riscoperta ‘dei luoghi di provenienza”, consentendo ai visitatori di riappropriarsi della cultura delle loro origini anche attraverso tradizioni, testimonianze, artigianato e gastronomia, il tutto per riconoscere e promuovere l’elemento identitario del nostro Paese e sostenere attivamente il rilancio post “Covid-19” del Turismo e dell’Economia italiana.